Narbit, una selezione

THE GREAT GIG IN THE WINE

L'idea folle

È nata in una serata autunnale del 2017 per lanciare una sommossa culturale fatta di racconti, esperienze, produttori che vivono di vigna e di micro produzioni nelle zone nobili della Francia e non. Esclusion fatta per le maison dello champagne, tocchiamo realtà molte volte mai a contatto con un pubblico estero, un mercato che li vede arricchire gli scaffali delle migliori enoteche in giro per il mondo, e mai vivere ruoli importanti a casa dei cugini.
È la costola estera della TheGreatGigInTheWine, distribuzione campana nata nel febbraio 2013, una sommossa ricca nel tempo di un numero massimo di venticinque protagonisti. Artigiani che vogliono raccontare la loro bellezza attraverso i loro vini naturali, molte volte biologici e biodinamici, vini d’identità che rappresentano al meglio il loro favoloso terroir. Che la sommossa abbia inizio!

Il senso

N come Naturel: vino concepito senza alcuna correzione chimica, senza alcuna manomissione da parte dell’uomo. Tutto vissuto in maniera spontanea, come vuole la natura che regala vini molto diversi a seconda dell’andamento dell’annata.

A come Artisan: la mano di colui che rende al meglio un prodotto che la natura omaggia. Servono le braccia, le lune, il minimo indispensabile per la trasformazione e aspettare.

R come Rural: senza il ritocco si presenta un prodotto genuino, vivo, con qualche sfumatura che regala un prodotto molte volte grezzo appena stappato. L’ossigeno, il tempo porta ad un vino “rurale”, bello come natura vuole.

B come Biodynamique: Zolfo e Rame , i due ingredienti segreti per la cura della vigna fino alla raccolta. Una cultura biodinamica che non vede chimica, alcuna filtrazione, alcuna chiarifica , alcuna aggiunta di sostanze sospette

I come Identitè: attraverso il naso e la bocca si cerca di identificare un vino autentico, un vino che rispecchia al meglio la propria identità, di territorio ma soprattutto risaltando il vitigno.

T come Terroir: l’argomento principale della nostra ricerca , mai vini comuni e parametri standard. Il territorio al centro del progetto, microzone , vini che rispecchiano al meglio le caratteristiche pedo geologiche di quella zona.